Articoli

Lo storyteller che canta le vite degli altri

Knopfler TrackerPreparatevi a incontrare una scrittrice emarginata e un poeta burbero, un manovale che pare un gigante e un derelitto in cerca d’avventure, un giocatore d’azzardo e un musicista che trova un contratto e perde l’amore. E poi vite che s’incrociano per un attimo fugace oppure si mancano per un soffio, come quelle del protagonista di Silver Eagle e della sua bella, lui a bordo di un bus che attraversa l’America e lei che dorme nel letto di casa. La canzone vive nel mezzo chilometro che li separa e tutto quanto il disco sta in una dimensione in cui il tempo è sospeso. Non c’è un filo di contemporaneità nell’ottavo album solista di Mark Knopfler. Non c’è nemmeno il rock per cui è diventato famoso, se non in una citazione piuttosto ovvia di Sultans of Swing. Non ci sono dichiarazioni altisonanti, suoni appariscenti, melodie ammiccanti. Ci sono undici canzoni (quindici nell’edizione deluxe, diciassette nel box set) figlie del gusto per il racconto. Ci sono l’abilità nell’evocare storie con la musica e la capacità di parlare attraverso poche note di chitarra. Tracker è un disco fuori moda e antistorico. E non è niente male.

mark knopfler 2015Dopo avere pubblicato il doppio Privateering del 2012 Mark Knopfler s’è rimesso al lavoro piuttosto in fretta. Avrebbe registrato Tracker ancor prima se non fosse partito con Bob Dylan per una tournée in giro per il mondo che gli ha fruttato la composizione di Silver Eagle e Lights of Taormina. Knopfler ha assemblato suoni e ispirazioni, è andato a caccia di spunti come un investigatore che segue le tracce di un caso. È venuto fuori un lavoro in cui – come da molti anni a questa parte, del resto – è songwriter prima ancora che chitarrista. Anzi, è uno storyteller che ama raccontare la vite degli altri. Come quella della scrittrice inglese Beryl Bainbridge in Beryl che gira attorno a un unico concetto, il fatto che non ebbe mai un Booker Prize essendo emarginata dall’elite culturale dominante. Si fanno strada anche un paio di spunti autobiografici. In Basil Knopfler dipinge il poeta Basil Bunting come un uomo indurito e amareggiato. Lo conobbe quando, ancora adolescente, muoveva i primi passi nell’Evening Chronicle di Newcastle. In Laughs and Jokes and Drinks and Smokes si ritrae giovanissimo alle prime prese con la musica e l’amore, incosciente e innamorato della vita.

Tracker box setChe siano reali o immaginarie, autobiografiche o inventate, le canzoni raccontano storie piccole, frammenti di esistenze, pensieri volatili che si fanno canzone. Knopfler usa gli strumenti di sempre, quel suo modo di fare musica elettro-acustica artigianale e raffinata in cui il retaggio folk celtico s’incrocia efficacemente con la grande tradizione americana. Il tono è spesso sedato, le note centellinate, ma l’album non è “seduto” come altri lavori del chitarrista. Il singolo Beryl cita spudoratamente il primissimo successo dei Dire Straits Sultans of Swing con l’aggiunta di quello che sembra un organo Vox. Colori celtici vestono Laughs and Jokes and Drinks and Smokes, dove sono innestati su un groove “nero”, quasi jazz. Se l’attacco di Long Cool Girl potrebbe essere tranquillamente usato come introduzione dal vivo a Romeo and Juliet, Broken Bones ha il passo, l’aria sorniona e il suono compresso di J.J. Cale, mentre Mighty Man evoca Brothers in Arms. Oltre al co-produttore e tastierista Guy Fletcher, Knopfler è affiancato da Glenn Worf (basso elettrico e contrabbasso) e Ian “Ianto” Thomas (batteria), più i musicisti che contribuiscono a donare al disco la sua aria folk, ovvero John McCusker (violino e cetra), Mike McGoldrick (whistle, flauto, chitarra tenore) e Phil Cunningham (fisarmonica), senza contare un paio di interventi di Nigel Hitchcock (sassofono), Tom Walsh (tromba), Bruce Molsky (banjo, fiddle, chitarra), Ian Thomas (washboard).

TenGuitars940A forza di ascoltarlo, si ha l’impressione di sentire l’odore dei nastri sui quali Tracker è stato inciso e di vedere i gesti degli uomini che stanno dietro gli strumenti. Knopfler si prende tutto il tempo di dipanare storie e dipingere paesaggi sonori, e così le canzoni superano spesso i sei minuti di durata. Il finale è affidato a Wherever I Go cantata in duetto con la dolcissima Ruth Moody delle canadesi Wailin’ Jennys, che altrove offre un tocco femminile ai cori. Come in quella canzone, dove il protagonista è seduto al bancone di un bar lontano da casa e dagli affetti, in tutto il disco si respira un’aria di serena nostalgia appena turbata da un filo di malinconia. Tracker è l’album di uomo di 65 anni, e si sente. Non è dissimile dai dischi registrati in passato dal chitarrista. Se avete trovato vecchi e noiosi quelli, qua dentro non c’è nulla che vi farà cambiare idea. Ma se vi piace il modo in cui Knopfler racconta piccole storie e le cala in scenari sonori suggestivi, troverete in Tracker altre undici belle canzoni e la conferma che è molto più gratificante spiare le vite degli altri in una canzone che su Facebook.

Pubblicato originariamente su Rockol

Leggi anche: Mark Knopfler, una questione di polpastrelli

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...