Articoli

Desaparecidos, la catarsi politica di Conor Oberst

desaparecidosCanta la paranoia d’essere spiati. Dice che è giustificabile ammazzarne uno per salvarne novantanove. Urla che non si può fermare Anonymous. Ma per quanto Conor Oberst si sforzi di scrivere inni di protesta e testi arrabbiati – e il secondo album della sua band post hardcore ne contiene di esaltanti – il suo stile vocale appassionato e il suo songwriting lasciano intravedere un carico d’umanità che raramente emerge dai dischi unidimensionali delle band che trasformano le canzoni in comizi. Non i Desaparecidos e non Payola: è carico, appassionato, incazzato, ma anche accorato e divertente da ascoltare. Pure affiancato da una band che fa di ogni canzone un’esplosione sonora, Oberst dimostra d’essere un ottimo songwriter e un cantante dal timbro originale, in grado di creare empatia.

Payola è il secondo album dei Desaparecidos, la band che Oberst ha messo in piedi prima del grande successo dei Bright Eyes e che sinora aveva pubblicato un solo album, Read Music / Speak Spanish del 2002. Le 14 canzoni, durata media 3 minuti, descrivono un mondo in preda alla follia e alle manipolazioni delle multinazionali. Il liberismo è una forma light di fascismo, suggeriscono i Desaparecidos. Nel mondo di Payola gli attivisti sono messi a tacere (The Underground Man) e i banchieri la fanno sempre franca (Golden Parachutes). È un posto dove i «corpi sono ammucchiati come biglietti da 100 dollari» (City on the Hill), gli oligarchi banchettano sulla povertà altrui (Slacktivist) e il governo conosce la cronologia del tuo browser (Search the Searches). Ci sono anche storie più piccole, proiettate su uno scenario politico ed economico più ampio: l’omaggio alla giovane leader cilena Camila Vallejo; la vicenda di Robert A. Hawkins, il diciannovenne che nel dicembre 2007 fece una strage in un centro commerciale di Omaha, Nebraska (Von Maur Massacre); la storia di Maricopa, anzi MariKKKopa, la città dell’Arizona tristemente nota per gli abusi dei diritti degli immigrati. E ancora, la lotta di un lavoratore col cancro (Ralphy’s Cut) e un velenoso e divertito attacco al mondo della discografia (Backsell).

E insomma, di qua i buoni, di là i cattivi. Anche se la logica manichea di Payola vi sembra elementare, difficilmente resterete indifferenti al modo in cui la band mette in musica queste storie. Non è solo Oberst: i Desaparecidos sono una vera band e tutti i musicisti sono accreditati come co-autori dei pezzi. Il suono elettrico, intenso, esplosivo prodotto con Denver Dalley (l’altro chitarrista), Landon Hedges (basso), Ian McElroy (tastiere), Matt Baum (batteria) e Mike Mogis (produzione) non dà tregua. La musica non sarà originale, ma è potente, intensa. Si rifà al punk e all’hardcore, ma gode anche delle melodie del pop e dei suoni percolanti di tastiere new wave. È rabbiosa, ma non ottusa. È divertente, un fatto inusuale nella discografia di Oberst. Le chitarre elettriche contribuiscono col gran lavoro di Baum ai colori forti, agli staccati violenti, agli esaltanti sbalzi dinamici dell’album. Catartica e furiosa, la musica è un commento perfetto alle storie raccontate. Trasmette un senso d’urgenza che è in definitiva la cosa migliore dei Payola.

 

Pubblicato originariamente su Rockol

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...