Articoli

Il più grande tributo di sempre ai Grateful Dead

dead aperturaSiccome le barriere stilistiche stanno cadendo una dopo l’altra senza alzare polveroni, non fa effetto scoprire che il più grande tributo di sempre ai Grateful Dead è orchestrato da un gruppo che apparentemente c’entra poco con i freak di San Francisco: i National. I gemelli e membri della band Aaron e Bryce Dessner hanno riunito una sessantina d’amici, hanno assegnato compiti e canzoni, hanno messo in piedi una house band per suonare con molti di loro e uscirsene con un discone che dura più della carica del vostro portatile: Day of the Dead, cinque ore e mezza di musica distribuita su cinque cd i cui proventi vanno a favore di Red Hot Organization, testa di ponte della lotta all’AIDS nella cultura pop. È un tributo a un repertorio, ma anche un omaggio alla propensione dei Dead a misurarsi con più stili, al loro eclettismo, a un modo d’intendere la musica come fatto comunitario, come rete che connette idee ed esperienze lontane dal mainstream. E insomma, stai a vedere che i Grateful Dead erano un gruppo indie.

Convocato a testimoniare lo spirito avventuroso e l’ampiezza dell’impronta lasciata dai Grateful Dead sulla musica americana, sfila una specie di who’s who dell’indie di ieri e oggi, da Lee Ranaldo dei Sonic Youth ai War On Drugs passando per Perfume Genius con Sharon Van Etten, Courtney Barnett, Jim James, Flaming Lips, Wilco – l’elenco è piuttosto lungo. Quindici anni fa questo tributo sarebbe stato pieno di jam band modello Phish, di gruppi che dai Dead avevano ereditato il gusto per la musica come session in libertà. Sarebbe stato pieno di cavalcate strumentali anarchiche, gesti musicali rétro e sentori di marijuana. E invece contiene canzoni per lo più di cinque minuti di durata, un senso della misura molto contemporaneo e qua e là l’odore di carta da musica. Per dire: il pezzo clamoroso non è Dark Star, il tour de force che i Deadheads cercano nei bootleg confrontando più versioni alla ricerca dell’improvvisazione superfreak. Il pezzone, qui, è una suite di diciassette minuti basata su Terrapin Station orchestrata dai National con Daniel Rossen e Christopher Bear dei Grizzly Bear, e ha la fantasia dell’epoca psichedelica e il rigore della musica scritta.

A dar retta ai curatori, si direbbe che l’influenza dei Grateful Dead s’estende dall’indie al country, dalla musica senegalese al jazz, dal folk all’elettronica. Ma l’aspetto più sorprendente di Day of the Dead è l’affinità trovata fra la scrittura del gruppo e la musica classico-contemporanea, e qui evidenziata a discapito delle più note e celebrate qualità improvvisative. E così Bryce Dessner trascrive un assolo del 1990 di Jerry Garcia e lo mette in riga ispirandosi a Steve Reich. Armato di melodica, il compositore minimalista Terry Riley trasforma Estimated Prophet in un mantra con la complicità del figlio Gyan. Anohni collabora con l’ensemble colto ma pop nello spirito yMusic. Gli Oneida fanno comunella con i Sō Percussion che di solito si misurano con contrappunti razionalistici e non con ghirigori misticheggianti.

Sono lontani i tempi in cui Kurt Cobain scriveva sul suo diario che avrebbe indossato una maglietta tie-dyed solo se impregnata del sangue di Jerry Garcia. Day of the Dead è il frutto del processo di rivalutazione dei californiani culminato un anno fa con i concerti d’addio a Santa Clara e Chicago dove furono accolti dalle parole di Obama che li definì iconici nell’incarnare «la creatività, la passione e il potere d’aggregazione che rende grande la musica americana». I Grateful Dead rivisti dai fratelli Dessner sono pensatori della musica con lo sguardo rivolto in avanti, gente che usa la tradizione come base per le proprie esplorazioni. Sono materia compositiva. Tim Hecker arriva a rendere omaggio non tanto al gruppo quanto a un processo creativo ad esso legato e cita il progetto di John Oswald chiamato Grayfolded, due lunghe composizioni assemblate montando centinaia di versioni dal vivo di Dark Star suonate dai Grateful Dead nell’arco di un quarto di secolo. E in fondo, con il suo eclettismo e le sue riletture fantasiose, Day of the Dead dice che uno il passato non lo deve per forza ereditare o rigettare. Lo può anche scegliere e manipolare.

 

Pubblicato originariamente su IL

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...