Post

I Dirty Projectors sono sempre più il progetto di un uomo solo

little-bubbleTira un’aria triste in casa Dirty Projectors. Tira aria di rivoluzione. Dopo Keep Your Name, un addio a una compagna dove piano personale e artistico si confondevano, ecco un pezzo su quando si viveva nella nostra piccola bolla, tu ed io. Dave Longstreth sta mettendo sottosopra i Dirty Projectors: i cori femminili accecanti di un tempo sono spariti, i timbri sono scuri a partire dal suono di tastiera elettrica (Fender Rhodes?) che apre la canzone, la produzione strizza l’occhio alle micro-manipolazioni digitali dell’R&B. Little Bubble vive in una dimensione onirica, è malinconica e meditativa, una riflessione delicata e ambivaente sull’isolamento e la perdita. I Dirty Projectors sembrano sempre più il progetto di un uomo solo, in tutti i sensi.

 

 

Pubblicato originariamente su HvsR.net

Advertisements

Categorie:Post

Tagged as: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...